Stefano Mainardi CEO SparkFabrik

iPhone SDK ecco tutte le novità

Dopo mesi di attesa Apple ha finalmente rilasciato l’SDK formalmente il Software Developer Kit, per tutti gli sviluppatori o Software House che vogliano cimentarsi nello sviluppo di applicazioni per iPhone o iPod Touch con strumenti ufficiali messi a disposizione da Apple. Anche se nel corso dei mesi sono nate moltissime applicazioni di qualità totalmente amatoriali.

La novità più importante di questo rilascio è sicuramente il kit iPhone Enterprise, facendo entrare questo dispositivo nell’olimpo del mercato business aggiungendo funzionalità richieste dal mercato come ad esempio la sincronizzazione con Microsoft Exchange attraverso ActiveSync, funzioni Push per email e contatti, l’aggiunta di protocolli di sicurezza come il WPA2/802.1x e supporto a** Cisco IPsec VPN**. Tutto questo sarà disponibile nel prossimo aggiornamento software per iPhone, ed integrato all’interno del nuovo firmware.

SDK – Tutto (o quasi) quello che c’è da sapere

All’inizio dell’evento si è parlato delle applicazioni web, si parla di oltre mille applicazioni e del grande successo ed interesse che hanno riscosso, con il rilascio di questo tool tutti potranno utilizzare gli stessi strumenti utilizzati da Apple per creare applicazioni stand-alone, e quindi più funzionali.

E’ stata illustrata nel dettaglio la piattaforma che come si era detto è basata su OSX **di cui ne condivide gran parte delle tecnologie ad esempio **CoreAudio e CoreAnimation, OpenGL tranne Cocoa che è stato sviluppato per funzionare con interfaccia classiche, tastiera e mouse, ed è stata quindi sviluppata una versione ad-hoc per interazione con il device Multitouch denominato, appunto, Cocoa Touch, il tutto accessibile ed integrato ovviamente nell’IDE di sviluppo Xcode.

(Foto di Engadget)

Tanti gli strumenti integrati ed interessanti, come l’emulatore interno Iphone Simulator

(Foto di Engadget)

Strumento in grado di riprodurre fedelmente il funzionamento del dispositivo, inclusi i classici “movimenti” che possiamo fare sul display multi-touch (swipe, pinch ecc..), ottimo strumento per fare test e debug senza avere un dispositivo fisico.

Interessante anche lo strumento di debugging grafico, che mostra in realtime ed in situazioni di stress il comportamento dell’applicazione, ottimo strumento e più veloce di un debugger classico per capire visivamente come e dove ottimizzare la nostra applicazione.

Durante la presentazione sono state presentate nuove applicazioni dimostrative, nello specifico alcuni videogiochi che facevano uso di OpenGL ed il risultato è davvero spettacolare (ma la batteria?), ed applicazioni create, a detta loro, in meno di due settimane come ad esempio un distorsore di foto che fa uso del multitouch. Ed ovviamente il classico Hello World! creato al volo per far vedere la semplicità dei nuovi strumenti.

(Foto di Engadget)

Sono state mostrate anche nuove applicazioni, il messenger AIM di AOL, e qualche demo di Sega ed Electronics Arts, i quali si sono dichiarati entusiasti delle potenzialità offerte dall’iPhone, pare che ne vedremo delle belle anche in questo campo. Nel video della presentazione pubblicato da poco potete vedere la dimostrazione delle nuove applicazioni.

Sono tante le features ed è stata allestita una pagina apposita con tutti i dettagli , ed è anche possibile scaricare questo ormai famoso SDK da questa pagina. Inizierò subito a fare i primi esperimenti.

Per chi volesse invece pubblicare le proprie applicazioni dovrà pagare una quota di 99$ per il programma Standard, e 299$ per il programma Enterprise, entrambe daranno diritto al supporto tecnico di Apple.

Le applicazioni come saranno distribuite?

Come previsto tutte le applicazioni saranno distribuite tramite iTunes, in una nuova sezione che prenderà il nome di iTunes App Store accessibile sia da iPhone che tramite iTunes su Mac e PC. E’ interessante notare come sia state prese in prestito idee dalla famosa applicazione Installer.app, come ad esempio l’aggiornamento automatico delle applicazioni installate.

(Foto di Engadget)

La politica commerciale è interessante e meno restrittiva di come si pensava. Lo sviluppatore o la Software House decideranno il prezzo di vendita, a loro andrà il 70% del ricavato ed il restante 30% entrerà di diritto nelle casse di Apple, mentre **tutte le applicazioni freeware saranno disponibili ed ospitate a livello gratuito. **Ottima mossa.

Tutte queste novità sono già disponibili?

Per ora è stata rilasciata una versione beta del firmware 2.0 ad alcuni tester, mentre per la versione definitiva ci sarà da aspettare Giugno, con cui sono ripartiti le speculazioni (rumors?) per cui Apple presenterà in contemporanea una nuova versione UMTS e aggiornata di iPhone.

L’aggiornamento sarà gratuito per i possessori di iPhone, mentre i possessori di iPod Touch pagheranno un prezzo “simbolico”, dicono per motivi fiscali, non si capisce bene quali siano e perchè i possessori di iPod Touch debbano pagare ogni tot una penale ad Apple, come il recente aggiornamento delle nuove applicazioni. Vedremo come la faccenda verrà gestita.

C’è altro da sapere?

Ti consiglio di leggere le domande fatte dai giornalisti presenti e prontamente tradotte da Kiro di Melamorsicata.

Tutti si aspettavano che venisse annunciato l’iPhone in Italia, visti i recenti accordi con Tim, ma anche questa volta siamo rimasti tutti a bocca asciutta, ma possiamo consolarci con la supervalutazione dell’euro sul dollaro che ci permette di acquistare un iPhone da 8Gb dagli USA a poco meno di 270€, a mali estremi estremi rimedi.

comments powered by Disqus