Stefano Mainardi CEO SparkFabrik

Le nuove funzioni di editing in Flickr

Ieri Flickr ha introdotto una grandiosa novità, rendendolo a mio avviso il miglior servizio di hosting di foto online, seppur costoso è anni luce per qualità del servizio **e per usabilità dell’interfaccia, IMHO, dalla concorrenza. **Maxime proprio oggi ha pubblicato un interessante post mettendo a confronto i due servizi, ti consiglio di leggerlo nell’area commenti si è sviluppata un interessante discussione sui pro ed i contro dei rispettivi servizi.

(Richiesta di installazione alla prima richiesta di modifica)

Dopo l’annuncio di qualche tempo fa, ora Picnik è stato integrato direttamente in Flickr e da ieri è apparsa una nuova icona “Modifica” sulle  foto, basterà quindi installare, come succede in Facebook, l’applicazione per editare via web i nostri scatti.

Quali sono le caratteristiche di Picnik?

Innanzitutto va detto che Picnik è un servizio di editing foto non esclusivo di Flickr, difatti puo interfacciarsi con i maggiori servizi di photo hosting (e non) come ad esempio Webshots, Picasa, Photobucket e Facebook . Nasce come piattaforma di photo editing online, con le stesse caratteristiche che potrebbe avere un applicazione standalone di raccolta immagini come ad esempio iPhoto per Mac, o Picasa per Windows. Ovviamente stiamo parlando di primo fotoritocco, quindi il paragone con programmi di fotoritocco veri e propri sarebbe ardito, lo puntualizzo perchè ho letto commenti in rete in cui alcuni troll utenti facevano confronti con Photoshop.

(Una probabile sessione di lavoro)

Esistono due spazi di lavoro distinti: Crea e Modifica .

In “Modifica” possiamo assolvere i task classici e più comuni, quindi: ruotare l’immagine, ridimensionarla, tagliarla, lavorare sui colori e l’esposizione e il filtro per gli occhi rossi. Ad un primo uso l’interfaccia mi sembra ottima, e lavorando in full screen si ha la sensazione di non essere su una webapp.

Nell’area Crea, che poi è quella più interessante, le features sono diverse ed ognuna ben studiata. In quest’area possiamo aggiungere del testo alla foto, effetti grafici (come i filtri in Photoshop), aggiungere orpelli grafici (come nella foto sopra) o delle cornici.

(Alcuni delle opzioni presenti nell’area di lavoro Modifica)

Ho testato a fondo le varie possibilità e vi dico che sono rimasto stupefatto dalla qualità degli strumenti messi a disposizione, il fatto di non poter fare editing delle foto direttamente sulle fotografie in Flickr era una grossa lacuna, che è stata colmata alla grande con l’integrazione di questo servizio. Vi invito quindi a provarlo e magari lasciarmi le vostre impressioni d’uso.

Il servizio è gratuito?

Per la maggior parte si, non serve neanche avere un account Pro su Flickr per usufruirne. Tra l’altro il mio è scaduto da mesi e non ho mai avuto tempo di rinnovarlo.

Esiste una modalità Premium al costo di 25 dollari annuali che darà accesso ad una serie di features non presenti nella versione free, di certo sarebbe stata una bella mossa per flickr sostenere le spese di tale servizio per gli utenti Pro, avrebbe di sicuro incentivato gli utenti a switchare alla versione a pagamento. Ma se non abbiamo grosse esigenze possiamo “accontentarci” delle molte possibilità offerte nella versione gratuita.

Concludendo

Direi che la piattaforma di Yahoo! ora sia più appetibile che mai, nonostante le limitazioni per alcuni troppo restrittive nella versione free, Flickr sta è sta diventando una killerapp per gli amanti della fotografia. La comunità è vastissima, e trovare splendide foto rilasciate sotto licenza CC è una passeggiata.

A breve dovrebbe anche arrivare un tool web equivalente a Picnik dal monopolista del fotoritocco Adobe, sto parlando di Photoshop Express, ovvero una versione leggera del noto software totalmente online, verrà rilasciato a Febbraio e di sicuro farà molto parlare di se.

Nel frattempo su Flickr è stato aperto il gruppo dei “Picnikers”, se vuoi dire la tua partecipa!

comments powered by Disqus