Stefano Mainardi CEO SparkFabrik

Lo spammer che si spacciò per SEO

Oggi caro lettore voglio raccontarti una storia simpatica, una di quelle storie di cui il web è pieno (ahinoi), e che mi piacerebbe far venire a galla per farti capire come alcuni aspiranti SEO tentano di avere visibilità in modi poco “consoni”

Come forse sai gestisco un network di portali italiani dedicati a Linux discretamente famosi e con un pagerank che fa gola a molti spammer, nel tempo si sono alternati ed organizzati con svariate tecniche, quella più fastidiosa è sicuramente il Crossposting, ovvero scrivere lo stesso messaggio privo di qualsiasi utilità a raffica su più siti, mettendo in firma link a proprio siti personali (di solito commerciali).

Il caso che ti voglio presentare è singolare, in questo caso il furbacchione (ma de che!) ha preparato una serie di messaggi standard, molto simili ad una richiesta reale, spammando a più non posso su tutti i forum per la rete, io ne ho contati 190. I messaggi sono i seguenti:

  1. Installato Office 2007 e Thunderbird non sente i link
  2. Spuntare tutte le caselle di una pagina con Firefox?
  3. Come estendere al massimo la vita dei cookie?

Ora, fare una richiesta di Office 2007 su un Forum linux, non ti sembra una cosa quantomeno ridicola? O non hai il sospetto che qualcuno possa accorgersi che stai facendo solo spam? Cerchi visibilità e invece guadagni solamente figure di merda (S. Gorgoni docet)

Tornando al’intraprendente personaggio, la cosa più sconvolgente e che in firma mette link alla sua azienda (ma si un link te lo regalo dai) dove si spaccia per promotore SEO (ed altre sfavillanti referenze,* come scaricare foto da supporti digitali*) citando testualmente :

Ottimizzazione e posizionamento siti web esistenti con registrazione ai principali motori di ricerca, iscrizione ad oltre 500 directory nazionali e internazionali, promozione pubblicitaria tramite servizi pay per click.

Direi che si è dimenticato di dire che annovera fra le sue tecniche anche quella dello spamming, che oltre a mettere in ombra se stesso, fa rischiare alle aziende che gli hanno dato fiducia un bel ban sulla SERP di Google.

Sappi che non ce l’ho con te, ma più in generale ce l’ho con chi si spaccia per professionista del Web e usa tecniche (inutili) di questo tipo per arrivare ai propri scopi, e che fa scadere nel ridicolo chi nel web ci lavora per davvero e si fa un mazzo così per guadagnarsi la pagnotta.

Il web è fatto di credibilità non solo di link, scrivitelo in grande sulla parete, e se hai tempo cerca di imparare seguendo qualche comunità dedicata come quella di Giorgiotave , magari non spammando come hai gia fatto

Con l’occasione miei cari SEO spammer, da oggi (avrei dovuto farlo prima) sui miei forum troverete un bel rel=”nofollow” nei messaggi in firma, e se avete un Forum pensate di farlo anche voi.

comments powered by Disqus