Stefano Mainardi CEO SparkFabrik

Pownce – alcune considerazioni

Da pochi giorni è uscita una nuova applicazione web 2.0 (uff…) creata da Kevin Rose il boss e ideatore di quel gran servizio che si chiama Digg , ti sto parlando di Pownce . Allo stato attuale il servizio è in stato di Alpha, disponibile solo ad inviti, quindi tutte le considerazioni che andrò a fare potrebbero essere NON vere nei prossimi aggiornamenti.

E’ un servizio che nasce con l’idea non originale di crearsi la propria rete di amici e potersi scambiare con loro messaggi, links, video e files. L’ho definito non originale poichè il servizio è basato sulla falsa riga di Twitter che ormai tutti conosciamo e non ha bisogno di presentazioni, e che gode ormai di un enorme successo (nonostante i frequenti disservizi)

Pownce potrebbe essere definito un “Twitter con testosterone” poichè potenzia le possibilità di dialogo di quest’ultimo, alcune delle features secondo me interessanti:

  • Non ha il limite di 140 caratteri per i messaggi (potrebbe essere un contro)
  • Puoi inviare messaggi a gruppi scelti di amici (sets)
  • Potete allegare ai messaggi anche links, files, eventi
  • Le risposte ai messaggi vengono visualizzate sotto forma di thread (come in un Forum)

Ora, se la semplicità di Twitter è stata premiata dalla rete quasi all’unanimità, non credo proprio che Pownce godrà della stessa sorte per svariati motivi (almeno allo stato attuale, come dicevo prima).

L’idea di fondo di estendere le potenzialità di Twitter non è male, però bisognerebbe valutare anche l’utenza di Twitter ed il “perchè” abbia avuto questo enorme successo. IMHO, per la sua semplicità e la sua immediatezza, abbiamo pochissime ed essenziali funzioni, si ha la certezza di una lettura immediata e veloce e mai oltre i 140 caratteri. *(Se poi tutto questo funzionasse senza singhiozzi sarebbe davvero il massimo) *Per un servizio dedicato al “cazzeggio” credo che la semplicità sia fondamentale, se dobbiamo sbatterci per capire tutte le funzioni che cazzeggio è?

Proprio questo ultimo punto non mi convince di Pownce, per scambiarsi files, eventi e links esistono servizi ottimi che abitualmente utilizziamo a che pro rimettere nel calderone tutto questo? Su twitter scambiarsi links è facilissimo, ed un link può essere: un evento, un file, un sito da vedere. (non so se mi spiego) . Poi, i messaggi a lunghezza “infinita” a cosa servono?

Poi ci sono due cose che davvero non capisco; uno la scelta anacronistica di non rilasciare le API di interfacciamento con Pownce escludendo così la possibilità di creare un ecosistema di applicazioni o mashup collegati a Pownce, secondo gli spot che si intervallano fra un messaggio e l’altro (essendo abituati alla pulizia di Twitter sono fastidiosi)

Nonostante tutto continuerò ad utilizzare Pownce per vedere come si evolverà, e per capire se davvero se ne sentiva il bisogno di queste ennesima applicazione di *socializzazione. *Il servizio poi parte dalla mente geniale di Kevin Rose, un minimo di fiducia credo la meriti ;)

Ah, grazie a Giovy per avervi mandato l’invito, attualmente ne ho ancora 5 a disposizione se vi servono fatemi un fischio. Il mio account puoi trovarlo qui.


comments powered by Disqus