Stefano Mainardi CEO SparkFabrik

L'invasione dei blogger sul pianeta Venus

Ed eccomi a scrivere la mia sul barcamp che mi ha visto come organizzatore, e al quale ho dedicato gran parte del mio tempo (libero e non) per la sua riuscita, e ad occhio e croce mi ritengo pienamente soddisfatto del “lavoro” che abbiamo fatto.

Il mio “reportage” arriva con un attimino di ritardo, ho dovuto in questi giorni rimettere mano alla mia agenda, riorganizzando tutte le cose che avevo accantonato in un angolo aspettando di superare il 24 Giugno. Ed ecco che non ho avuto la concentrazione necessaria per rimettere insieme tutte le emozioni che piano piano hanno fatto capolino dentro di me, avrei voluto dire mille cose così di getto ma ho pensato che era più saggio concedermi qualche giorno in più, infondo chi mi corre dietro?

Faccio un piccolo salto nel passato per spiegarvi come questo evento è nato, e quali erano le finalità iniziali. Circa un anno fà (

prima dell’esplosione dei Barcamp in Italia) si discuteva sulle liste di ILDN di fare un incontro che avesse queste caratteristiche:

  • formale
  • di facile organizzazione
  • che spingesse al massimo l’agreggazione

Koolinus (noto cane da tartufo del Web) propose allora di dare un’occhiata a un nuovo “format” nato negli States denominato Barcamp, il quale frantumava completamente gli schemi classici di una conferenza, e che avrebbe di sicuro destato interesse a molte persone vista la novità. Per un motivo e l’altro, l’idea andò scemando in poco tempo, tutti ne parlammo ma nessuno si prese la briga di organizzarlo, e non se ne parlò più (in me l’idea però era rimasta sempre viva)

Quest’anno, ci stavamo preparando per il consueto appuntamento milanese del Linux World Summit (leggi qui), cancellato poi a pochi giorni dall’apertura (ovvero hanno messo la lapide a quell’evento) senza dare troppe spiegazioni a chi si stava prendendo la briga di partecipare.
Allora, colgo la palla al balzo, “riapro il cassetto” delle idee e propongo in lista ai ragazzi la mia volontà di voler organizzare questo famoso “BeachCamp“, subito trovo l’entusiasmo di alcuni dei più attivi soci che mi danno il loro pieno appoggio all’idea, e parto subito a sondare il terreno.

Nelle prime ricerche, mi sfuggì che (il grande) Maxime stesse realmente organizzando il Pubcamp (ne sentii parlare sul blog di Giovy molto tempo fa) e così pensai che la prima data utile fosse proprio il Sabato del 23, ma una mail di un amico mi fece notare che quel Barcamp si stava davvero organizzando a Chieti e a pochi “passi” da Francavilla al Mare. Seduta stante mi misi in contatto con Maxime per spiegargli la mia idea, e capire se era possibile poter dar vita ad un fine settimana di Barcamp tutto Abruzzese. Ci siamo capiti ed intesi nel giro di pochi secondi, ed ho avuto la prima conferma che stessi andando per la direzione giusta.

I giorni sono passati veloci, ed i contatti cresciuti esponenzialmente. Vado alla frenetica (ma non spammosa) ricerca di sponsor per l’evento, qualcuno ha risposto, molti non si sono degnati di farlo (grazie). Uno sponsor arriva in via autonoma, sto parlando della E-net capitanata dal simpaticissimo Giuseppe, il quale rimasto piacevolmente colpito dal BarcampMatera decide di aiutarci in questo evento e con l’occasione presentare un po degli interessanti prodotti che la sua azienda commercializza e distribuisce. Un grazie di cuore da parte mia per la fiducia.

Nei giorni che passano, io e Maxime ci scambiamo in via telefonica e sms, i bollettini di guerra delle rispettive organizzazioni, entrambi in eterna lotto con il portafoglio per rientrare nei ristretti budget che abbiamo avuto a disposizione. Per farla breve, sono riuscito ad ottenere tutti i gadget che mi servivano il Venerdì (22) prima di partire,
alcuni ritirati (sotto minaccia) alle 23:00 (tu Sarkia ne sai qualcosa vero? ;))

La mattina seguente (Sabato) si parte prestissimo alla volta di Chieti, con in macchina un telone ed un proiettore da recapitare allo Stammtisch per i talk del Pubcamp, purtroppo si arriva con qualche minuto di ritardo (in più del previsto) a causa del traffico in A14. Arrivati, veniamo accolti da Maxime (al quale per telefono gli avevo detto che stavo andando al Vlogcamp…..) in visibile stress da organizzazione ma sempre pronto alla battuta, ed attrezziamo a regola d’arte la zona talk. L’ambiente mi piace molto, ed inizio subito a vedere facce di blogger che leggo spessissimo (e penso “cazzo, allora esistono davvero”), il tempo passa veloce (fra una birra e l’altra) ed inizio a conversare freneticamente con chiunque mi capiti sotto tiro, dovunque ti giravi c’erano capannelli di persone pronti ad affrontare argomenti interessanti. Una su tutte la discussione (show) intrapresa con Alessio Jacona sui servizi che scelgono le coppie esibizioniste per far apprezzare le proprie performance sessuali in rete, una discussione mista fra ilarità e spunti intelligenti, a cui hanno partecipato: Luca Sartoni, Marco Ferretti, la Feba, Silvia (Googlisti) . Seguo inoltre con piacere il talk di Adriano Gasparri, al quale avrei dovuto partecipare attivamente anche io ma a cusa del poco tempo non ho fatto in tempo a prepararmi, ma vedo che riesce professionalmente a districarsi benissimo da solo. Complimentoni!

Nel frattempo arrivano i due “pazzi” di ILDN: Marco e Kripsio, rispettivamente da Figline Valdarno (FI) e Sassuolo, ci mettono poco ad ambientarsi ed iniziano anche loro ad entrare nel vivo del Pubcamp, purtroppo li faccio rimanere poco poichè c’era bisogno di forza lavoro per l’allestimento del BeachCamp (mi perdonerete mai?). Facciamo qualche saluto veloce, qualche invito per il giorno dopo e si sale in macchina verso il Lido Venus (a questo punto la stanchezza inizia a fare capolino pesantemente sui miei arti), dove ci stavano aspettando Andrea e Marco Monaco (due persone assolutamente da conoscere! fenomenali davvero)

Arrivati in loco iniziamo velocemente a fare i primi preparativi , tra risate e commenti agrodolci sulle belle donzelle della fauna locale del Venus il tempo passa in fretta, tutto procede senza intoppi e con il feeling giusto che ci permette di organizzarci al meglio e con velocità. Tutto sembra pronto per il giorno dopo, e rimaniamo ospiti a cena del Venus, dove iniziamo a stappare qualche bottiglia di ottimo vino toscano. Una serata davvero fantastica, preludio perfetto di quello che sarebbe successo il giorno seguente. Anche qui la serata finisce in fretta, ci salutiamo e ci diamo appuntamento alle 8:00 per finire di sistemare le ultime cose.

La notte per me è insonne: mille sono i pensieri per il giorno dopo, tanta è la stanchezza e l’ansia accumulata nelle settimane precedenti, non faccio altro che arrotolarmi nel letto nella speranza di trovare qualche minuto di pace ma niente da fare, facendo perdere così preziose ore di sonno anche alla mia ragazza (penso non mi abbia cacciato dal letto per pietà :-) )

Si arriva finalmente al Lido Venus, il BeachCamp sta iniziando, allestiamo la sezione Audio/Video, tiriamo fuori i primi gadget, e non ci resta che aspettare che arrivino i primi blogger. Nel giro di un ora (verso le 11:00) siamo quasi a regime molti sono arrivati ed iniziano a scaldare l’atmosfera, c’è solo un piccolo intoppo il navigatore di Gioxx & co. non riesce a trovare la via indicata sul Wiki (in effetti è una traversa senza via d’uscita, mea culpa per non averci pensato prima) e ricevo sue chiamate minatorie :), perfortuna riesco a dargli indicazioni per farli arrivare presto al Venus.

A questo punto la mia tensione inizia ad allentarsi, tutto sembra che vada oltre meglio del previsto, l’atmosfera è molto rilassata ed amichevole, e non sembra ci siano intoppi particolari che diano fastidio, anche le connessioni wi-fi sembra reggano ottimamente il carico di lavoro (peccato che le Fonera non ne abbiano voluto sapere di funzionare correttamente). Entrati a regime e rotto il ghiaccio propongo a Francesco (la valletta della giornata) di iniziare con il suo talk: il primo della giornata, ed il primo nella sua carriera da informatico. Superato l’emozione iniziale, sfoggia tutta la sua simpatia e la sua stravaganza e da vita ad una discussione post-talk memorabile e piena di spunti interessanti. Anche grazie alla professionalità degli intervenuti, in particolare Antonino Attanasio e Luca Sartoni, che hanno acceso gli animi ed interessato il pubblico facendo intervenire persone non tecniche che hanno detto la loro, vero Mia? :-) Io purtroppo rimango solamente spettatore, avrei voluto intervenire ma ero in information overload monitorando tutto quello che succedeva.

Nel frattempo un fatto sconvolgente nella blogosfera stava avvenendo, la Feba aveva persuaso con fantomatiche promesse Maxime ad iscriversi a Twitter, e qui una prova fotografica! Ora potete leggere le sue gesta qui

Subito dopo il talk di Francesco, si passa al pranzo offerto dall’onnipresente San Lorenzo (grazie Antonio), con l’aggiunta di alcuni prodotti tipici Abruzzesi davvero ottimi (qualcuno gradisce particolarmente), ed una selezione di vini davvero notevole. L’atmosfera diventa davvero social *nei tavoli si discute di tutto, ho il piacere di scambiare due chiacchiere con alcuni degli interevenuti: i bellissimi Pietro e Silvia, Nicola e futura moglie, Luca, Giovy e Mia, Gioxx, Maury, Maxime, Feba , Adriano e tutti gli altri che ahimè ora mi sfuggono. (scusatemi ero davvero frastornato*).

Le famose **attività di spiaggia **subito dopo il pranzo vengono prese d’assalto, c’è chi si fa il bagno con costumi tamarri, chi stravince a biliardino e se la ride , e c’è invece chi si spaccia per campione (in effetti lo è) ma fa perdere quasi a zero un povero modenese (che ci credeva), e chi si improvvisa giocatore di beachvolley in acqua e non riesce a fare più di quattro palleggi consecutivi :-)

Nel pomeriggio si susseguono altri due interessanti talk, uno tenuto da Maury che ci ha parlato di crittografia e firme digitali, e l’altro tenuto da Koolinus sui software open disponibili su MacOSX (intrattenuto da applausi di tutti, e battute al vetriolo di Maxime. Ti vogliamo bene!) [molto presto testimonianze video online!] Che dire? Io avevo dubbi sull’efficacia del luogo per fare talk, ed invece si è dimostrata adatta ed anche adatta per far interessare persone al di fuori del BeachCamp, frequenti sono stati i capannelli di persone che si sono avvicinate per chiedere/capire cosa stessimo facendo. E’ saltato il talk di Giovy sui cocktail estivi, è vero che il prossimo anno cascasse il mondo lo riproponi?

Finiti i talk la congrega romagnola riparte, con la promessa di rivederci presto al Romagnacamp, perdendosi purtroppo la ciliegina sulla torta, la grigliata in spiaggia diretta maestralmente da un Dottore in questo campo: Antonio (1,2), stesso dicasi per Koolinus e ragazza. Per i primi cercherò di rimediare portando delizie abruzzesi, per i secondi vi aspetto alla cena che organizzerò quest’estate ad Alba Adriatica, da un contest lanciato dai Googlisti.

La serata passa piacevolmente ci si ritrova tutti insieme a parlare come vecchi amici, le discussioni prendono toni davvero molto formali, forse anche a causa di un bicchierino di troppo :-) , e nessuno dei presenti sembra che abbia intenzione di voler lasciare il Venus tant’è che il chiacchiericcio dura fino a notte inoltrata…

(gli irriducibili del BeachCamp)

Considerazioni Finali (finalmente!) :

Non avrei mai le parole adatte per ringraziare tutti, quello che è successo al Lido Venus rimane per me scolpito come un grande ricordo, una grande giornata. Vorrei ringraziare di cuore chi ci ha permesso e ci ha dato la disponibilità per far si che questa giornata avvenisse, grazie di cuore a Lorella e Giustino che mi hanno dato carta bianca per organizzare (anche se ancora oggi mi chiedono cosa sia un Barcamp), e grazie di cuore a tutti voi che avete partecipato e che avete capito lo spirito di questo incontro lasciandomi una grandissima soddisfazione. (spero ricambiata da tutti voi)

Grazie a Simona, e scusa davvero per averti fatto passare i guai, ma ricordati che senza di te mi sarebbe mancato lo spirito necessario, sei unica.

Se i Barcamp sono una NON-Conferenza: il BeachCamp e Pubcamp lo sono stati!

Se i Barcamp puntano all’aggregazione e discussioni autogenerate: il BeachCamp e Pubcamp ne sono stati maestri!

Ci rivedremo il prossimo anno, sperando di migliorare ulteriormente l’incontro, voci di corridoio dicono che Stefano e Maxime si stiano organizzando per fare un mega evento per l’estate 2008. Stay tuned.

Dove trovo tutto il materiale del BeachCamp?

Semplice, sotèr ha creato una splendida e comoda lista dove ha raccolto tutto il materiale generato da questi eventi. Grazie eh! ;)

ps: per tutti quelli che si iscrivono ai Barcamp, non ci vanno e non si cancellano ricordo che fare i gadgets costa. Pensateci.

*ps2: grazie se sei arrivato a leggere fin qui! *

comments powered by Disqus