Stefano Mainardi CEO SparkFabrik

INLAND EMPIRE – L'impero della mente

10m.jpg* Titolo originale*: INLAND EMPIRE – L’impero della mente

Genere: Drammatico/Mistery

Nazione: USA/Polonia/Francia

Regia,Soggetto e Scieneggiatura: David Lynch

Musiche: David Lynch

E’ arrivato nelle sale italiane il nuovo capolavoro di Lynch, distribuito da BIM in sole 25 copie per l’intero territorio nazionale. Per vedere questo film mi sono dovuto fare (con piacere) più di 100 Km. per arrivare al Mr.Oz di Ancona, uno dei due cinema marchigiani che hanno avuto la possibilità di averne una copia.

David Lynch, da poco incoronato a Venezia con un dei più prestigiosi riconoscimenti come il Leono d’Oro alla carriera, con questa ultima opera ci regala 180 minuti di subliminale visionaria e conturbante esperienza cinematografica, una pellicola che regna sovrana nel cinema sperimentale e noir, del percorso narrativo iniziato nel ’97 con Strade Perdute, ed evolutosi nel capolavoro Mullholland Drive del 2002.

INLAND EMPIRE, girato completamente in digitale (miniDV), tende la mano al caos, all’irrazionalità, una storia che si frammenta disorientando lo spettatore, storie e personaggi che perdono luogo e identità, come se la macchina da presa fosse un folle generatore di paure, fobie ed immagini oniriche. Scene che ti lasciano senza fiato, che stringono lo stomaco, che provocano angoscia, maestralmente dirette da Lynch come fosse il folle direttore d’orchestra dinanzi alla sua musica. Vorresti essere lì in quelle stanze fatte di luci soffuse ed intermittenti, con quelle donne, e quei personaggi che sembrano non essere mai esistiti e legati tra loro in una geniale perversione come in una scatola cinese.

E’ il trionfo della sua arte, della sua visione. Un indimenticabile capolavoro. Un film che non può essere spiegato attraverso le parole, deve essere solamente visto e vissuto.

Un film di certo che verrà ricordato per negli anni, per la sua originalità e per la sua avanguardia.

Consiglatissimo per gli amanti del genere, Buona Visione!

comments powered by Disqus